Accreditamento

ASP prende parte al percorso di accreditamento previsto dalla Regione Emilia-Romagna, che permette di accedere ai fondi regionali per la non autosufficienza.

Questo consente di coprire parte del costo del servizio, contenendo la quota a carico del cittadino e del Comune.

Criterio fondamentale per la concessione dell’accreditamento è il modello organizzativo unitario: per questo ASP si sta impegnando a definire modelli di gestione dei servizi e delle strutture posti in capo a soggetti unici, siano essi pubblici o privati.

Dal 1 luglio 2011 ha avuto inizio il processo di accreditamento transitorio con la sottoscrizione dei contratti di servizio tra ASP in qualità di ente gestore, i Comuni come enti committenti e l’azienda Usl per la parte relativa alle prestazioni in ambito sanitario.

Nello specifico, il contratto di servizio è l’atto che regolamenta i rapporti organizzativi ed economici tra i contraenti, in particolare vengono indicate le caratteristiche qualitative e volumi di attività dei servizi, le tariffe riconosciute, la contribuzione richiesta agli utenti, le modalità e gli strumenti di verifica e controllo.

Per ogni servizio è stato stipulato uno specifico contratto che prevede una revisione nel suo primo anno di applicazione. Nel nostro distretto ogni contratto è stato sottoscritto da tutti i Comuni, a prescindere dall’ubicazione del servizio.

L’accreditamento dei servizi sociosanitari è stato approvato con deliberazione di Giunta Regionale n. 514 del 20/04/2009, primo provvedimento in attuazione dell’art. 23, legge 4/2008. Il percorso stabilito dalla legge 4/2008 consente alle strutture e ai servizi di avvalersi in una fase iniziale di un accreditamento “transitorio”, mentre il regime dell’accreditamento “definitivo” si applica a partire dal 1 gennaio 2014.